Arriva al Teatro Nazionale dal 14 febbraio al 14 aprile in uno nuovo allestimento firmato Stage Entertainment A Chorus Line. Definito il “re del musical” A Chorus Line vanta una tenitura a Broadway di 15 anni dal suo debutto nel 1975 e ha vinto ben 9 Tony Award, un premio Olivier Award per il miglior musical e un Premio Pulitzer per la drammaturgia. Celebre anche il film con la regia di Richard Attenborough e con Michael Douglas protagonista.
Lo spettacolo, originariamente concepito dal regista e coreografo Michael Bennett su testi di James Kirkwood e Nicholas Dante, musica di Marvin Hamlisch e liriche di Edward Kleban, è un’opera di teatro nel teatro e racconta il dietro le quinte di uno spettacolo: sul palco un gruppo di ballerini pieni di speranza si presenta a un provino. Sono tutti pronti a farsi giudicare dal regista Zach per aggiudicarsi un ruolo di linea nello spettacolo di prossima produzione, raccontandosi e condividendo con lui le loro storie. Come nello spettacolo, così nella vita reale, gli stessi artisti, a ogni alzata di sipario, portano in scena loro stessi, determinati nel dimostrare chi sono.
A Chorus Line è un musical originariamente concepito dal regista e coreografo Michael Bennett, che lo mise in scena per la prima volta allo Shubert Theatre di Broadway il 25 luglio 1975 e dove rimase in cartellone 15 anni per un totale di 6.137 repliche. Lo show fece così tanto scalpore da essere rinominato come il “Re dei Musical”: vinse 9 Tony Award (tra cui miglior musical, miglior regista, miglior libretto, miglior attrice, migliori musiche, miglior coreografo etc..), un premio Olivier Award per il miglior musical e un Premio Pulitzer per la drammaturgia. Successivamente, nel 1985, la Columbia Pictures ne distribuì la versione cinematografica, con adattamento di Arnold Schulman e regia di Richard Attenborough e con Michael Douglas nel ruolo del regista Zach.
La regia di A Chorus Line  in scena al Nazionale è affidata a Chiara Noschese, che ha curato anche l’adattamento e la traduzione del testo, mentre le coreografie originali sono riprese da Fabrizio Angelini. Da segnalare la presenza di un’orchestra dal vivo diretta da Andrea Calandrini, l’inserimento di scene inedite costruite un gioco di specchi, disegnate da Gabriele Moreschi e di un nuovo disegno luci di Francesco Vignati, che omaggerà il passato, sfruttando però la modernità. Nel cast spiccano diversi celebri nomi del musical italiano, come Giorgio Camandona, Floriana Monici, Riccardo Sinisi, Giuseppe Galizia, Samuele Cavallo, Giuseppe Verzicco e Martina Lunghi.
“È uno spettacolo unico, una macchina perfetta – spiega Chiara Noschese – una scatola cinese costruita con rigore e con altrettanto rigore e rispetto abbiamo cercato di rendere A Chorus Line uno show 2.0.”

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here