Dopo i successi di Niente più niente al mondo di Massimo Carlotto e Bull di Mike Bartlett, il regista friulano Fabio Cherstich si mette in gioco con un testo di Alejandro Jodorowsky, il grande scrittore, drammaturgo e regista cileno. Un testo divertente, assurdo, violento e politico sulla ricerca della felicità. Niente moralismi, solo la grande poesia di Jodorowsky.
“Durante la preparazione dello spettacolo – racconta il regista  – ho incontrato Jodorowsky a Parigi per parlare con lui del testo e mi è rimasta impressa una frase che mi ha detto citando il suo manifesto per un teatro panico “I romani dicevano Io indicandosi la pancia. Per loro il cervello era solo un congelatore delle idee che nascono calde all’altezza dell’ombelico. Il teatro si esprime con l’inconscio. Bisogna permettere ad esso di fluire in scena con la stessa libertà con cui sgorgano i sogni.”

31ott(ott 31)20:1511nov(nov 11)21:00Opera panica - Cabaret tragicoCabaret tragicoTeatro Franco Parenti

Web Hosting