“Il teatro è fatto di…mostri” nella stagione 2018/2019 del Filodrammatici di Milano.
“Mostri di paura, mostri di bravura, nostri che mostrano. Quello che abbiamo scelto di fare – ha detto Bruno Fornasari – è di prendere spettacoli che declinino l’idea di mostruosità all’interno dei rapporti tra le persone. Non è una mostruosità necessariamente negativa, ma spesso è una mostruosità che implica un eccesso, uno strabordare in una mancanza di rispetto verso l’altro. L’idea che l’altro sia un mostro è già in sé una mostruosità”
“in questo momento ci sembrava particolarmente importante – ha aggiunto Tommaso Amadio – perché il moralismo che sembra diventare un po’ una legge assoluta in questa società, per cui ci si sente sempre liberi di prendere una posizione su qualunque cosa si legga sui social, ci spaventa.”
Tanta drammaturgia contemporanea, sia nelle produzioni, sia nelle ospitalità.
Una particolare apertura al teatro anglosassone e quest’anno anche una novità dalla Spagna, con il musical “Pegados”.
“Quello che mi piace del teatro anglosassone – afferma Fornasari – è l’apertura verso chi sta in platea, è un teatro che vuole raccontare storie per persone che vivono dei momenti di crisi e che grazie a queste storie possono proseguire.”
“Il contatto con il teatro straniero è di stimolo anche per il teatro italiano, che sta riuscendo a uscire da una dimensione museale – ha aggiunto Amadio – stiamo imparando che a teatro si possono raccontare storie di oggi con la stessa velocità del cinema e del web.”
Tra i titoli di spicco, La prova, il nuovo testo di Bruno Fornasari, il musical spagnolo Appiccicati con Marta Belloni e Cristian Ruiz, Fragile di Tena Stivicic.
Il programma completo della stagione 2018/2019 sul sito del Filodrammatici.

Web Hosting