“Giorni felici”: Civica incontra Beckett

0
55

Dal 12 al 17 marzo, al Piccolo Teatro Grassi, va in scena Giorni felici, produzione del Teatro Metastasio di Prato, con la regia di Massimiliano Civica. Il regista, tre volte premio Ubu, affronta l’opera celebre di Samuel Beckett, affidando a Roberto Abbiati e Monica Demuru i ruoli dei coniugi protagonisti.

In Giorni felici una donna è sepolta dentro un monticello di sabbia, prima fino al busto, poi fino al collo. Suo marito vive in una cavità del cumolo di sabbia, alle spalle della moglie. All’inizio dello spettacolo, la donna si sveglia al suono di un campanello, sorride e dice: “Un altro giorno divino”. Affronta così una nuova giornata, sforzandosi di essere felice.

“Quel monticello di sabbia è il colpo di genio di Beckett – spiega Massimiliano Civica – una volta accettate le sue “assurde” premesse, che una donna viva in un deserto bloccata dentro un cumolo di sabbia con accanto un marito a mobilità ridotta, ci troviamo davanti a un testo realista, ad una situazione e a un rapporto tra i personaggi improntati ad una assoluta “banale” quotidianità. Voglio dire che se io o voi ci trovassimo nelle condizioni di Willie e Winnie, faremmo gli stessi discorsi e condurremmo, suppergiù nello stesso modo, il ménage familiare. Nessuno di noi ha il potere di rendersi invisibile, ma se lo avessimo il nostro comportamento sarebbe logico, coerente e consequenziale con quella condizione data: naturale, insomma”. 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here