Dopo il debutto di sabato 11, proseguono il 18 e il 19 maggio, nella storica sede di Piazza Perego 11, le repliche di “Decandenze di Steven Berkoff, messo in scena dalla compagnia Scimmie Nude.

“Decadenze”, scritto nel 1981 per una coppia di attori/performer, ciascuno impegnato in un doppio ruolo, si propone come una caustica riflessione sulle dinamiche di potere nella scalata sociale e sulle diaboliche macchinazioni messe in atto anche solo per non scivolare al gradino immediatamente sottostante di questo altare innalzato al dio denaro.

Ecco un’interessante intervista al regista Gaddo Bagnoli e ai due interpreti Claudia Franceschetti e Andrea Magnelli.
“La crudeltà che esprimono i personaggi di Decadenze – spiega Gaddo Bagnoli – che riguarda la classi dominanti della nostra modernità è un elemento ovviamente che scardina i comportamenti umani e li porta alla luce in tutta la loro crudeltà.”

Claudia Franceschetti e Andrea Magnetti interpretano un doppio ruolo, Steve e Sybil che rappresentano la classe privilegiata, e Les e Helen, quella proletaria. Come ci si prepara a interpretare dei doppi ruoli così diversi? “Ci siamo preparati con le tecniche della nostra compagnia, dallo studio degli animali all’astratto, che ci hanno pesmesso di acquisire le caratterizzazioni dei personaggi”. “Berkoff – prosegue Andrea Magnelli – usa poi uno slang inglese per caratterizzare il personaggio proletario; noi abbiamo scelto di sottolinearlo con un’inflessione meridionale, generica, senza connotazioni regionali, pur essendo io calabrese”.

Per la realizzazione di questa intervista ringraziamo Francesca Romana Lino, ufficio stampa della compagnia, per la sua preziosa collaborazione.

18mag(mag 18)21:0019(mag 19)17:00DecadenzeSpazio Scimmie Nude