Francesco Fassone: “Il racconto una città nuova dalla mente degli spettatori”

    Francesco Fassone, architetto e scenografo, racconta a Top Hat Spettacolo Online la genesi dello spettacolo che ha ideato Architettura della disobbedienza in prima nazionale al Kilowatt Festival 2021 il 23 e 24 luglio. La regia è di Emiliano Bronzino e la drammaturgia Fabrizio Sinisi.

    Una performance immersiva e interattiva – guidata da Maria José Revert per 18 spettatori alla volta – che indaga il concetto di inconscio collettivo della città e si interroga sulle discrepanze tra la rappresentazione istituzionale e mediatica dello spazio urbano e la percezione soggettiva che ne hanno gli abitanti. Verrà creata una città nuova, generata dalla somma delle immagini prodotte dalla mente di tutti i partecipanti.

    “Con questo progetto, prodotto da Associazione Craft – spiega Fassone – cerco di indagare sulle discrepanze tra la narrazione mediatica-istituzionale della città e quella che è invece la percezione soggettiva che ne hanno gli abitanti”.

    ARCHITETTURA DELLA DISOBBEDIENZA

    Ven 23, Palazzo Aloigi Luzzi 18:00, 19:15, 20:30, 21:30
    Sab 24, Palazzo Aloigi Luzzi 18:00, 19:15, 20:30, 21:30

    ideazione Francesco Fassone
    drammaturgia Fabrizio Sinisi
    regia Emiliano Bronzino
    con Maria José Revert, Daniele Timpano
    creazione e messa in scena Emiliano Bronzino, Francesco Fassone, Maria Josè Revert
    consulenza scientifica Dipartimento di Design del Politecnico di Milano
    collaborazione alla creazione Elisabetta Maniga
    direzione tecnica Elia Iachetti