Dall’ 8 al 20 gennaio, al Piccolo Teatro Studio Melato, va in scena La signorina Else, con Lucrezia Guidone e Martino D’Amico, una produzione Compagnia Lombardi – Tiezzi e Associazione Teatrale Pistoiese.
Federico Tiezzi torna a esplorare la società austriaca degli anni Venti, proseguendo il lavoro di ricerca su Arthur Schnitzler che aveva ispirato Il ritorno di Casanova.
Risalente al 1924, la novella è un testo completamente incentrato sul tumultuoso fluire dei pensieri che si affollano e scontrano nella mente della giovane Else, adolescente altera e inquieta, su cui sta per abbattersi una catastrofe familiare. Con questo testo Schnitzler smaschera, attraverso il monologo interiore di Else, i falsi valori della società borghese del periodo, così come, parallelamente, faceva Sigmund Freud. Else è un’appassionata fanciulla, alle prese con i primi turbamenti sessuali. Viene messa in difficoltà dalla richiesta dei genitori che necessitano di una grossa somma di denaro. È la madre stessa che, con cinismo, invita la figlia a vendersi per salvare la famiglia dalla bancarotta. L’unico modo per ottenere il denaro è infatti chiederlo a un ricco conoscente che da tempo la corteggia. Tutto il testo vive delle reazioni di Else a questa richiesta.
La dimensione “anatomica” della pièce, in cui Else e l’ambiente circostanti sono in un certo senso “vivisezionati” dall’autore, si riflette nell’allestimento di Tiezzi che si svolge in un piccolo “teatrino-obitorio” che richiama il seicentesco Teatro Anatomico dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia dove lo spettacolo ha visto il suo debutto.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here