sabato, Gennaio 23, 2021

“66-67”, il progetto musicale di Alessio Boni e Omar Pedrini

Va in scena a Teatro Menotti dall’1 al 3 ottobre 66-67, un  progetto musicale nato dall’unione artistica tra Alessio Boni e Omar Pedrini.
Un susseguirsi in scena di musica, visuals, recitato e cantato che coinvolgerà il pubblico con lo scopo di trasmettere la poeticità dei testi, resi poi canzoni grazie alla musica.
Brani potenti ed emozionali della storia della musica, letti e cantati in lingua inglese, che dagli anni ‘60 ad oggi hanno composto la colonna sonora della vita di tanti, John Lennon, Lou Reed, Pink Floyd, Simon & Garfunkel, David Bowie, Bob Marley ed altri ancora.

“Questo è uno spettacolo – afferma Alessio Boni – che nasce da un’amicizia e da una serie di coincidenze. A dividere me e Omar Pedrini è solo un anno, io sono del 1966, lui del 1967 (da qui il titolo) e un lago: il lago d’Iseo che separa il bresciano dal bergamasco.
Non solo, inconsapevolmente io e lui ci siamo scambiati i sogni, io da piccolo avrei voluto fare la rockstar, Omar l’attore. Forse i nostri desideri incompiuti ci hanno dato la spinta per creare questo spettacolo.
Cresciuti con gli stessi riferimenti musicali, siamo entrambi convinti che alcune canzoni siano poesie. Poesie spesso perdute, perché i testi sono per la maggior parte in inglese e non tutti li comprendono. Lo scopo di questo concertato è raccontare il contesto, spiegare il testo di una canzone, per poi farlo apprezzare appieno con musica e canto. L’augurio è che, capendo di più, si gusti di più”.

H:iH:i

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità dal mondo dello spettacolo e partecipare alle nostre iniziative!

Evviva! Ti sei iscritto!

X
X