Rito per sole donne: Silvia Gallerano in “Svelarsi”

0
32

Dopo il successo della passata stagione, dall’8 all’11 febbraio torna in scena presso il Teatro Carcano, in collaborazione con il centro Humanitas per lei dell’Ospedale San Pio X, Svelarsi – una performance per sole donne (cis, tran e non-binary), con la regia e drammaturgia di Silvia Gallerano in scena con Giulia Aleandri, Elvira Berarducci, Smeralda Capizzi, Benedetta Cassio, Livia De Luca, Chantal Gori, Giulia Pietrozzini. 

Uno spettacolo/esperimento/serata/happening/sabba/pigiama party/assemblea… qualcosa di indefinito e indefinibile, un momento di condivisione e di riflessione piuttosto allegro su temi come il femminismo, l’umiliazione, la rivalsa, il senso di colpa, l’autodeterminazione. É una serata per sole donne, che genera parecchie risate e una smodata sorellanza.

Svelarsi è un’altalena tra un senso di invasione, una mancanza di spazio, una compressione, da una parte; la potenza, lo strabordare, la risata travolgente, dall’altra. La cultura patriarcale che ancora ci circonda, insegna alle donne, sin da piccole, a limitare i propri desideri di potenza, ad accettare invasioni di campo da parte dell’altro sesso (dove il campo è il corpo), a mettersi in disparte e per senso di costrizione spesso a esplodere. 

Si parte da vissuti diversi che hanno una nota comune: di umiliazione, di mutilazione, di invisibilità. Messi insieme, tutti questi vissuti, si mostrano per quel che sono: semplici soprusi, spesso meschini. Se ne vedono i contorni tragicomici, si impara a riderci su e a rispondere con una potenza che non è stata sopita. Il lavoro di scrittura è un lavoro condivisoogni attrice ha scritto con le parole o con il proprio corpo la sua presenza in questo lavoro. La scrittura non è solo di parole, anzi è soprattutto una scrittura di corpi. Le parole a volte sono gli inganni, il rumore dell’abituale: i corpi, in questi momenti di svelamento rivelano la vera essenza, il discorso non articolato ma presente.

Svelarsi è un percorso di ricerca. Per questo si rivolge a un pubblico esclusivamente di donne (cis, trans e non binarie). Tutte quelle che si sentono e definiscono donne. Non si tratta di creare uno spazio sicuro per chi è sul palco, ma di indagare che cosa succede ai corpi simili di chi assiste, domandarsi se il proprio corpo risuona più profondamente con quello che vede, nudo, in scena.

Svelarsi è anche l’occasione per costruire percorsi laboratoriali mirati, come nel caso del virtuoso e innovativo progetto “La salute femminile va in scena” del centro Humanitas per lei dell’ospedale San Pio X di Milano in collaborazione con il Teatro Carcano di Milano, che sfrutta la potenza dell’arte teatrale e il suo linguaggio esperienziale per promuovere la salute della donna. Un’occasione per portare fuori dall’ospedale importanti consigli clinici di prevenzione, diagnosi e cura, e un’occasione per portare l’arte performativa fuori dal teatro come efficace strumento educativo capace di influenzare positivamente le persone.

Durante l’autunno 2023 si sono svolti due laboratori teatrali gratuiti in ospedale curati da Silvia Gallerano, dedicati alla prevenzione in menopausa e gravidanza ed ai tabù sulla salute femminile in queste delicate fasi della vita, per promuovere una maggiore consapevolezza di sé. Gli spunti più interessanti emersi durante i laboratori faranno parte integrante dello spettacolo di giovedì 8 febbraio ore 19.30 presso il teatro Carcano di Milano, che terminerà con un momento di condivisione e dialogo tra attrici, specialiste del centro donna Humanitas per lei e spettatrici. “Vogliamo sfatare miti e ignoranze – afferma Silvia Gallerano – desideriamo colmare i tabù e i vuoti che esistono riguardo alla salute e al corpo femminile. Dobbiamo parlarne, focalizzare il fatto che non ne parliamo, darci la possibilità, in un contesto protetto, di porre le questioni in sospeso”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here