Dopo il successo internazionale e la messa in scena in contemporanea in diverse capitali europee – Londra, Parigi, Budapest, Varsavia, Atene e Roma – torna a Milano, al Teatro Leonardo dal 17 al 27 gennaio, Che Disastro di Commedia, con la regia originale di Mark Bell. Scritta da Jonathan Sayer, Henry Shields e Henry Lewis, appositamente per la Compagnia Mischief Theatre, è stata tradotta e licenziata in oltre 20 paesi, sempre diretta da Mark Bell, sbarcando in Australia, Nuova Zelanda e negli Stati Uniti. Premiata agli Olivier Awards 2015 e 2016 come Miglior Commedia dell’anno, nel 2016 vince in Francia il Premio Molière. Nel 2017  approda a Broadway, prodotta da J.J. Abrams, al suo debutto nel mondo del teatro. Qui ottiene il Tony Award per le scenografie di Nigel Hook, fedelmente riprese in Italia da Giulia De Mari.
 “The play that goes wrong” (“Che Disastro di Commedia” in Italiano), nasce nel 2012 in un piccolo teatro all’interno di un pub di Londra, The Old Red Lion, con un massimo di 60 spettatori a sera e una scenografia “costruita” dagli attori stessi. Lo spettacolo, incentrato sullo sfortunato spettacolo di una compagnia teatrale, che vede, tra strafalcioni e cadute da slapstick comedy, letteralmente cadere a pezzi le proprie velleità artistiche, evidenzia tutte le paure e gli errori che un attore sul palco non vorrebbe e dovrebbe mai commettere. Lo spettacolo ha un tale successo che debutta poi in prima mondiale nel 2014 al “Duchess Theatre” di Londra dove è incredibilmente ancora in scena.
“Qui in Italia, come a Londra – racconta Mark Bell – ho il privilegio di lavorare con attori di grande talento che si impegnano seriamente e quello che vedrete sarà frutto della loro abilità, dedizione e capacità di essere “stupidi”! Non sottovalutate quest’ultima cosa, si tratta di una capacità straordinaria e rara. Io ho solo aiutato…”

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here