Torna “I me ciamava per nome” con Valentina Picello e Renato Sarti 

0
70

Torna al Teatro della Cooperativa, nella settimana della Giornata della Memoria, dal 23 al 28 gennaio, lo storico spettacolo scritto e diretto da Renato Sarti, grazie alle incredibili testimonianze di ex deportati raccolte dall’Irsrec FVG, I me ciamava per nome: 44.787-Risiera di San Sabba, il tragico racconto di un opificio triestino divenuto un campo di sterminio nazista e poi dimenticato, quest’anno in una nuova versione con Valentina Picello e lo stesso Sarti. I brani musicali sono di Alfredo Lacosegliaz e Moni Ovadia.

Pochi sanno cosa sia stata, in tutto il suo orrore, la Risiera di San Sabba a Trieste, unico lager nazista in Italia munito di forno crematorio (da 3000 a 5000 le vittime) – spiega Renato Sarti. Un colpevole oblio ha soffocato fin dall’immediato dopoguerra le voci, a volte ha inquinato le prove, di quanto accadde poco più di 75 anni fa. Quando gli storici triestini Marco Coslovich e Silva Bon dell’Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia mi misero a disposizione le testimonianze dei sopravvissuti e le deposizioni dei carnefici (criminali nazisti responsabili fra l’altro dell’Aktion Reinhard, l’eliminazione di circa 2 milioni di ebrei in Polonia), mi sono immediatamente reso conto di avere fra le mani un patrimonio storico, sociale, politico e umano straordinario. Un patrimonio che, a differenza di quanto successo in precedenza, non andava dilapidato, bensì valorizzato. Una visione “dal basso” e “dal di dentro” di quei terribili avvenimenti, espressa con un linguaggio del tutto particolare. Credo che ogni persona dovrebbe sapere e non dimenticare» afferma uno dei sopravvissuti. Abbiamo fatto nostra questa frase, nella speranza che, in nome dei valori che ispirarono la Resistenza e la lotta di Liberazione, la Memoria Storica di quel passato possa fare da argine, oggi, a nuovi e pericolosissimi fenomeni nazionalistici, razzisti, fascisti e xenofobi”. 

Lo spettacolo nasce da una lettura scenica tenutasi, con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, all’interno della Risiera di San Sabba e alla quale, in qualità di attore, intervenne un partecipe Giorgio Strehler.

Il testo ha conseguito la Segnalazione Speciale e il Premio Produzione al 43° Premio Riccione per il Teatro. Motivazione: “… un esempio di teatro-documento, una straordinaria raccolta di incredibili testimonianze, secondo la cronologia degli avvenimenti, durante e anche dopo i fatti, su vittime e carnefici della persecuzione nazista contro le minoranze discriminate di Trieste”.

Uno dei terribili difetti dell’Italia – preciso all’epoca Giorgio Strehler – è quello di voler dimenticare troppe cose importanti che non devono essere dimenticate. Fra le tante dimenticanze e omissioni ci sono molte cose che riguardano la Resistenza e la Guerra di Liberazione. La Risiera di San Sabba è stato l’unico lager nazista con forno crematorio che esisteva nel nostro Paese, in cui furono uccise migliaia e migliaia di persone di questa città, che è la mia. Oggi ricordare questo è un dovere civile da assolvere. Il nostro compito è quello di testimoniare

(1° luglio 1995, in occasione della lettura fatta all’interno del Monumento Nazionale Risiera di San Sabba)

Orari: martedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 20:00 – giovedì ore 19:30 – domenica ore 17:00 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here