Torna il Festival della Magia, la parola a Raul Cremona

0
32

Raul Cremona, ideatore e conduttore del Festival della Magia al Teatro Manzoni dal 2 al 6 gennaio 2019, racconta il suo personaggio di divertente anti-mago e fa alcune considerazioni sul grande successo della manifestazione giunta alla quarta edizione.”Questo festival ha avuto negli anni una risposta straordinaria, conquistando un pubblico variegato di adulti e bambini – spiega Cremona. Credo che la sua marcia in più sia proprio l’unione di magia e comicità”.

Torna dal 2 al 6 gennaio 2019 al Teatro Manzoni di Milano il Festival della Magia, il divertente viaggio magico ideato e condotto da Raul Cremona, giunto alla sua quarta edizione.
Il Festival della Magia, prodotto da Showlab con la regia di Jordan, propone anche quest’anno alcuni degli artisti più interessanti del panorama italiano e internazionale. Dalla Francia Pilou con il suo numero tra la giocoleria e la magia; dall’Olanda Niek Takens, campione europeo della manipolazione, che affianca le tecniche tradizionali a ricercati effetti visuali; da Armenia e Russia Sos & Victoria, i più veloci trasformisti del mondo; sempre dalla Francia Gerald Le Guilloux, elegante mago esperto di manipolazione, che con il suo numero di colombe ha già vinto numerosi premi.
Ospiti d’onore Erix Logan e Sara Maya, illusionisti italiani celebri in tutto il mondo.
Tra le novità della quarta edizione, il gruppo di ballo di strada Tusan – Inside Move che, con l’ausilio di effetti speciali, propone una sorta di storia dell’umanità, tra magia tecnologica e danza. Infine nel foyer nel foyer  Nikolas e Magicocami  intratterranno con i loro divertenti numeri di magia teatrale.
Raul Cremona, sarà come sempre il filo conduttore della serata, con i suoi personaggi storici e i suoi intermezzi, spalleggiato dal comico Felipe. “Questo festival ha avuto negli anni una risposta straordinaria, conquistando un pubblico variegato di adulti e bambini – spiega Cremona. Credo che la sua marcia in più sia proprio l’unione di magia e comicità”. 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here